Archivio dell'autore

Max Aub e la parabola di una generazione

di

Mondo mezzo morto che cammina con due gambe come se ne avesse solo una, mondo che sa solo camminare e che sa che camminare non risolve niente, ma che cammina per dimostrare a… Continua a leggere

Le contrapposizioni secondo Matteo

di

Chissà se mentre venivano cacciati a calci in culo dal paradiso terrestre, Adamo ed Eva si erano resi conto che non avrebbero più fatto ritorno. Sapevano che l’innocenza si può perdere una volta… Continua a leggere

Un Salone del libro per Napoli?

di

In tempi di schieramenti fra il Salone del libro di Torino e Tempo di libri, la nuova fiera di Milano, il sud Italia resta ancora sguarnito di un evento culturale di rilievo legato… Continua a leggere

Il «caso» e la riscoperta di Bracco

di

La letteratura, lo sappiamo bene, è fatta di vincitori e dimenticati. Anche autori di un certo calibro, magari apprezzati in vita, possono finire nell’oblio. Le ragioni possono essere le più diverse. Nel caso… Continua a leggere

Oblio, D. Foster Wallace. Avanguardia e consapevolezza

di

Oblio (orig. Oblivion: Stories) è l’ultima opera narrativa pubblicata in vita da David Foster Wallace. Rappresenta il punto culminante – non programmatico, ma effettivo per il suicidio dell’autore nel 2008 – di un’evoluzione… Continua a leggere

Luis Sepùlveda e la narrazione pura

di

Tutto si è perso, l’ho perso. È sparito da tempo il gonfiore all’occhio, ma resta il livido nell’anima e manca qualcosa, Mabel, manca qualcosa, ecco perché uno va camminando nella vita come un… Continua a leggere

L’annullamento dell’eroe

di

Di cosa parliamo quando parliamo di eroi? Siamo abituati a pensare a un eroe come una figura strettamente positiva, ricca di qualità fisiche e soprattutto intellettuali superiori al normale. Non possiamo però limitare… Continua a leggere

Il sax di Julio Cortázar

di

Ieri sera mi è venuto in mente di guardarmi in quello specchio, e ti assicuro che era così tremendamente difficile che per poco non mi butto giù dal letto. Immagina di vedere te… Continua a leggere

Eric Faye e l’essenza della solitudine

di

Così, ora, l’idea di rientrare mi rallegra e mi terrorizza. Non so più chi ero a terra, ignoro chi ridiventerò. Nei giorni felici, capisco che niente sarà mai come prima, bisognerà ritoccare l’insieme,… Continua a leggere

L’Intervista: Racconti edizioni

di

Grado Zero si è occupato spesso di forma breve, anche per mettere in risalto le qualità del racconto, per nulla inferiori al suo fratello più lungo e blasonato. Il mercato va in tutt’altra… Continua a leggere

L’Intervista: Paolo Zardi

di

Se è vero che Paolo Zardi, ingegnere padovano, è sotto i riflettori soprattutto per XXI secolo, romanzo finalista al Premio Strega, al Premio Sinbad e al Premio Scrivere per amore, alle sue spalle… Continua a leggere

Conversazioni per voci sole

di

  Peggio di tutto […] è se lei è tornata e si è dimenticata di staccare la segreteria, com’è successo appunto l’altro giorno. Comincia  rispondere la vera lei, e l’ascolti beato, attento a… Continua a leggere