Benvenuti nell’apocalisse

di

Ma di nuovo vivranno i tuoi morti, risorgeranno i loro cadaveri. Si sveglieranno ed esulteranno quelli che giacciono nella polvere[…] [1] Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre io profetizzavo, sentii un… Continua a leggere

Declinazioni della poesia dell’attimo

di

Leggere un componimento poetico vuol dire entrare in quel mistero letterario che è l’ispirazione del poeta. La parola viene dipinta, resa eterna, generando così nel lettore emozioni tali che il sentire del poeta… Continua a leggere

Della satira e altre libertà

di

Benvenuto da Imola scriveva che era caratteristica della satira non indietreggiare davanti ai potenti. Isidoro da Siviglia la identificava come una riprovazione del male. Christian August Vulpius scriveva che il satirico è un uomo la… Continua a leggere

John Fante: uno scrittore dal destino bizzarro

di

Leggevo e leggevo, ed ero affranto e solo e innamorato di un libro, di molti libri, poi mi venne naturale, e mi sedetti li, con una matita e un lungo blocco di carta,… Continua a leggere

La storia della letteratura a fumetti. 3

di

Fare cultura nel XXI secolo

di

L’internauta, si sa, è disattento. È difficile che un articolo su un blog, una rivista, possa catturarlo davvero. Almeno generalizzando su un tipo medio di utente. Lo dicono tutti: bisogna piazzare l’immagine qui… Continua a leggere

La Pattomima

di

Dopo ogni partita di rugby è usanza secolare prender parte al cosiddetto “terzo tempo” ossia quel momento post-partita in cui le due squadre avversarie, una volta fuori dal campo da gioco, si riuniscono… Continua a leggere

L’albero, il vischio (e altre cose inutili e care)

di

Dodici racconti sul Natale. Dodici storie che lo affrontano in maniera assai diversa, con desideri, rimpianti, grandi novità o il ritorno alla stessa tristezza. Non la prima raccolta di Natale, né sarà l’ultima:… Continua a leggere

Natale, tempo di struffoli, ghirlande, regali e cinepanettoni

di

Poche cose fanno davvero Natale. L’albero, per esempio. O il cenone, ovviamente, con le sue squisitezze prettamente natalizie. E il cinepanettone. Ormai, in Italia, non si può dire Natale senza il buon vecchio,… Continua a leggere

Grado Satira: Il canto del qualunquista

di

Il qualunquista cammina con le spalle al muro e un paio di occhi in più, dietro la nuca. Ha le mani in tasca e il portafogli ben protetto nel taschino interno della giacca.… Continua a leggere

Uomo e animale: perversione o evasione?

di

L’uomo è manifestamente un essere pensante, qui sta tutta la sua dignità e tutto il suo pregio, e tutto il suo dovere sta nel pensare rettamente. B. Pascal Pascal porta ai massimi livelli… Continua a leggere

Le seconde occasioni: La coscienza tra sogno e realtà.

di

C’era un film, in televisione, qualche tempo fa: La doppia ora. Le scene lente e buie, e la sceneggiatura ben resa dai protagonisti (Filippo Timi e Ksenija Rappoport) scavalcano la prima indifferenza, e… Continua a leggere