Shoegazer: l’uomo che fissa le scarpe

di

Quando sul finire degli anni ’80 una modesta schiera di ventenni britannici cominciò a proporre musica nei locali di Londra e delle Home Counties rimanendo immobili a fissare il pavimento durante le esibizioni,… Continua a leggere

Il medico di campagna, e del bisogno di lasciarsi andare

di

Jean-Pierre è un medico che lavora da oltre trent’anni in un paese di campagna in cui vive, prendendosi cura dei propri pazienti più di quanto un comune dottore farebbe. Per Jean-Pierre, il suo… Continua a leggere

Il diario di un viaggiatore. Intevista a Mario Aurino

di

92 giorni, 10 nazioni, 1 continente, 11 gruppi tribali, 40 città, 9 frontiere terrestri, più di 20000 km percorsi via terra. Dal Mar Mediterraneo all’Oceano Atlantico, passando per l’Oceano Indiano. Dall’ Egitto al Sud Africa. Questa è la dimensione di un viaggio, di una fuga, di un bisogno primario. Queste sono le coordinate di una vita. La vita di Mario Aurino.

Come i siti consigliano e indovinano quel che potrebbe interessarti: i Recommender System

di

Al giorno d’oggi, chiunque abbia cercato un articolo su Internet oppure effettuato un acquisto online ha quasi sicuramente avuto a che fare, inconsapevolmente, con un Recommender System. A tutti, infatti, sarà capitato di… Continua a leggere

La Sicilia attraverso l’occhio del proiettore

di

Se il cinema si pone come mezzo d’informazione, di critica, di denuncia, e non di mero spettacolo di intrattenimento, il film d’impegno civile è, senza dubbio, quello che – fra tutti i generi… Continua a leggere

Nouvelle vague – Antonio Cafiero

di

Ci siamo conosciuti come in un film francese, uno di quelli dei sessanta in bianco e nero e con una voce fuori campo.

Il “Food Porn” di Vernon e Tiernan

di

A fine ottobre è arrivato nelle sale un film d’animazione molto particolare. Sausage Party, tradotto in italiano con l’aggiunta di Vita segreta di una salsiccia, è stato classificato come un film d’animazione per… Continua a leggere

Il “caso” Firefly e l’esistenzialismo di “Objects in space”

di

Gli oggetti son cose che non dovrebbero commuovermi poiché non sono vive. Ci se ne serve, li si rimette a posto, si vive in mezzo ad essi: sono utili, niente di più. E… Continua a leggere

L’intervista: Gianfranco Cabiddu, regista de La stoffa dei sogni

di

Una piccola compagnia di attori e dei detenuti in attesa di essere condotti in carcere viaggiano a bordo di una nave, colta in mare aperto da una violenta tempesta e scaraventata sulle coste… Continua a leggere

Enrique Vila-Matas, o come gli extraterrestri pubblicano libri

di

Fine dell’estate. Rientro in città. Un progetto. Fra poco più di un mese sarò l’interprete di un autore spagnolo in occasione di un incontro letterario alla Maison de la Poésie, a Parigi. Per… Continua a leggere

Alieni, robot, mostri: come abbiamo imparato ad accettare l’alterità

di

Nel 1979, Ridley Scott firma la regia di uno dei più importanti titoli del cinema di tutti i tempi, a metà tra l’horror e la fantascienza, destinato ad essere fine e principio insieme:… Continua a leggere

Sul debito e la crisi

di

L’attuale crisi economica si è manifestata nel 2007, quando a Wall Street esplodeva la bolla finanziaria dei subprime. Un’annata che resterà nella storia, durante la quale si sono susseguite piccole e grandi sciagure;… Continua a leggere